Cessione di Perisic: le quote di Betfair

Scopriamo cosa pensa Betfair di questa operazione

0

Ogni giorno leggo notizie su giornali e siti riguardo Ivan Perisic. Sono almeno 2 mesi che prosegue questo tormentone, destinato a durare ancora per diverse settimane. Almeno fin quando l’Inter non deciderà di venderlo o dichiararlo incedibile pubblicamente.

Cosa penso di Perisic? Credo sia un calciatore potenzialmente molto importante per le ambizioni di rilancio dei neroazzurri. Il 4-2-3-1 di Spalletti potrebbero esaltarlo e renderlo un calciatore potenzialmente devastante sotto il profilo dei gol e degli assist. Insomma, un calciatore di sicuro affidamento per tutti i fantallenatori.

Sotto il profilo delle caratteristiche, Perisic si distingue per una buona forza fisica e un dribbling che gli consente di creare spesso superiorità numerica. I suoi doppi passi vengono eseguiti con grande velocità, disorientando i difensori avversari.

Riesce ad arrivare spesso al tiro, partendo da sinistra e tirando con il suo destro. I tiri sono secchi, potenti e precisi, capaci di mettere spesso in difficoltà i portieri avversari, costretti ad interventi mai banali. Non disdegna giocate d’alta scuola, con colpi di tacco utili per trovare soluzioni creative ed uscire da situazioni complicate. Ciò che impressiona maggiormente del croato, però, è il cambio di passo rispetto al marcatore di turno.

Al momento la destinazione più probabile, secondo i giornalisti, è Manchester, sponda United. Ma anche i bookies la pensano così? Ho provato ad indagare, cercando le quote del trasferimento di Perisic su uno dei miei bookies di fiducia: Betfair. Ecco cosa ho scoperto.

Betfair propone la partenza del croato a quota 1,10, mentre la permanenza è data a quota 3. Per cui, la cessione del croato resta l’opzione più probabile tuttora, visto che il calciatore ha manifestato la propria intenzione di andare via.

Iscriviti a Betfair! Subito 50€ di bonus!

Se verrà ceduto al Manchester United, l’Inter potrebbe chiedere una contropartita adeguata. Potrebbe essere Martial, che recentemente ha ubriacato la difesa del Real Madrid in amichevole e che solo l’anno scorso è stato pagato dai Red Devils 60 milioni (più diversi bonus: 10 milioni al raggiungimento di 25 gol, 10 milioni alla 25esima presenza con la nazionale francese e 10 milioni in caso di nomina per il pallone d’oro). Inoltre, c’è da considerare che si tratta di un prospetto interessantissimo, con ampi margini di miglioramento visto che ha solo 21 anni.

Perisic, invece, di anni ne ha 28 e all’Inter ha disputato due ottime stagioni. Nel 2015/2016 ha disputato 34 partite, segnando 7 gol e facendo 5 assist. L’anno scorso, nonostante una stagione opaca dei neroazzurri, si è messo in mostra collezionando 36 presenze, segnando 11 gol e compiendo 11 assist. Ecco spiegato perché gli occhi delle big europee siano su di lui.

Ma qual è la valutazione corretta di Perisic se venisse acquistato dal Manchester United di Mourinho? Difficile dirlo, visto che al prezzo del cartellino concorrono tantissimi fattori. Come base di partenza, possiamo utilizzare le valutazioni fornite da 3 servizi specializzati:

Transfermarkt: 30M

PlayRatings: 33,9M

CIES: 30,4M

Personalmente, considerata l’importanza di Perisic per i neroazzurri e considerando alcune cifre folli spese da club inglesi per ingaggiare diversi calciatori, credo che un prezzo adeguato per il cartellino del croato potrebbe essere di 40 milioni. A spingere verso il basso il costo concorrono le scarse motivazioni del croato di restare con l’Inter e l’età non più giovanissima dell’esterno offensivo.

Commenti
Caricamento...