Flop 11 6° Giornata Serie A

Ecco il peggiore undici del weekend.

0

Dopo aver visto i migliori del weekend appena terminato, volgiamo la nostra attenzione alle note dolenti della settimana, ai calciatori che nessun fantallenatore avrebbe voluto avere in squadra questa giornata. Poche le new entry, i protagonisti sono quasi sempre militanti nelle compagini in lotta per la salvezza. L’undici è basato sui voti di Fantagazzetta. Il modulo è il 4-4-2.

Nicolas 5,5: Ci risiamo. Il portiere dell’Hellas è una presenza quasi fissa nella nostra rubrica. Questa volta le sue responsabilità ci sono, ma sono minime rispetto a quelle della sua retroguardia. La sua sfortuna è quella di giocare in una squadra dove gli errori e i goal subiti pesano di più a causa della sterilità offensiva.

Souprayen/Caracciolo 4,5: Appunto parlavamo della difesa degli scaligeri assolutamente inadeguata per la A. Ennesima imbarcata casalinga per gli uomini di Pecchia. I difensori in questione fanno tutto ciò in difesa non si dovrebbe fare.

C.Zapata 4: Zapata Cristian serve Zapata Duvan. Sembrerebbe un normale assist, in realtà i due in questione sono cugini e militano in squadre differenti. Il centrale difensivo colombiano del Milan regala la rete del vantaggio all’attaccante della Sampdoria con un goffo assist in area di rigore.

Angella 4,5: Il difensore dell’Udinese si distingue per una gran quantità di imprecisioni difensive. Appare molle e impacciato, mai in grado di porre un argine all’avanzata degli attaccanti giallorossi. Fatica e non poco come i compagni di reparto.

Vaisanen 4,5: Il centrale difensivo spallino paga l’inesperienza nella massima serie. Il nazionale finlandese non riesce a seguire Callejon quando effettua il taglio sul 2-1 per i partenopei. Nel finale soffre spesso le ripartenze e non riesce mai ad avere la meglio sulle incursioni centrali di Rog e Allan.

Viola 4,5: Il mediano della formazione sannita entra in campo e in pochi minuti avrebbe la grande chance di accorciare le distanze con un tiro dagli undici metri. Esito: palla stampata sulla traversa e potenziali sogni di gloria del Benevento di nuovo infranti.

Kessiè 4,5: Quando fatica lui, il Milan soffre. Ancora una prova incolore del centrocampista ex Atalanta. Impreciso, lento e prevedibile. Il Milan si affida alle sue prestazioni per uscire da questo momento di impasse. Probabilmente il 3-4-2-1 non gli giova.

Baselli 4: Ingenuo. Non vogliamo pensare cosa gli abbia detto Mihajlovic nel post partita. Il centrocampista del Torino commette due falli estremamente inutili quanto ingenui nel giro di pochi minuti lasciando la sua squadra in inferiorità numerica per l’intero arco della gara. Da lui ci si attendeva maggior maturità quest’anno.

Magnanelli 5: Il capitano del Sassuolo finisce anzitempo sotto la doccia per espulsione frutto di una doppia ammonizione. Nel corso degli ottanta minuti disputati fa il compitino e lo fa male, soffrendo come i compagni il temibile Bologna di Donadoni. Purtroppo gli anni in più si sentono anche per lui.

Pazzini 4,5: Ben poco “Pazzo” per ora. Il commento sulla gara di ieri sembra un copia e incolla delle precedenti prestazioni. Davvero poco pungente e mai nel vivo del gioco. Quelle poche occasioni che ha le cestina. Senza i suoi goal la salvezza dell’Hellas Verona risulta ancora più ardua.

Gomez 5: Il “Papu” in questa formazione appare un intruso. Sul suo inserimento in questo undici pesa come un macigno l’errore dagli undici metri. Appare insolitamente stanco, mai seriamente in grado di impensierire la retroguardia gigliata con le sue classiche giocate. Siamo sicuri che presto ritornerà nella Top.

Commenti
Caricamento...