FantaFLOP Serie A 2017-2018 (prime 7 giornate)

Ecco i tre peggiori per ruolo dopo le prime 7 giornate

0

La pausa per le nazionali vi innervosisce perché non potete mettere la formazione del fantacalcio? Niente paura, ci pensa GCC a tirarvi su il morale con la nuova rubrica dedicata ai FantaTop e FantaFlop. Ogni mese sarete informati sui giocatori secondo la mediavoto e la fantamedia indicata da Fantagazzetta. Ecco i tre peggiori per ruolo dopo le prime 7 giornate. Verranno considerati i giocatori con almeno 5 partite, eccezion fatta per gli attaccanti dove vengono analizzate almeno 4 presenze.

Portieri

  • 3) Il terzo portiere finora è Gianluigi Donnarumma: (MV 5,93 in 7 presenze), (fantamedia: 4,43). Sul gradino più basso del podio troviamo il portiere del Milan, uno dei tre appena sotto la sufficienza. Le prestazioni del futuro nazionale non sono state proprio pessime, ma di certo 10 goal subiti sono tanti, favoriti da una difesa rossonera non proprio impenetrabile. In sole due occasioni ha mantenuto l’imbattibilità (Crotone e Spal), mentre il punto più basso è stato contro la Lazio, dove i goal subiti sono stati 4 dei 10 totali, che ha influito tanto sulla fantamedia.

 

  • 2) Al secondo posto troviamo Nicolas: (MV 5,64 in 7 presenze), (fantamedia: 3,36). L’estremo difensore dell’Hellas Verona è quello con la peggiore fantamedia, per via dei 16 goal subiti in campionato, seconda peggiore difesa dopo il Benevento (18). Ha alternato partite orrende come quella col Napoli o contro la Fiorentina, dove oltre al 4 in pagella e i 5 goal incassati, si è presentato in conferenza in lacrime per scusarsi della pessima prestazione, a gare in cui non ha fatto male ed ha limitato i danni, come con la Roma, il migliore dei veneti nonostante i tre goal, o contro la Samp e il Crotone nei due clean sheet del Verona.

 

  • 1) Il peggiore non poteva che essere Simone Scuffet: (MV 5,5 in 5 presenze), (fantamedia: 3,5). 5 partite condite da pessime prestazioni, tanto che Del Neri nelle ultime due gare si è affidato a Bizzarri (contro Roma e Sampdoria). L’ex enfant prodige ha deluso le aspettative del popolo friuliano, dei tanti fantallenatori e dei molti appassionati di calcio. Non solo per gli errori mostrati soprattutto contro Chievo e Torino, ma per l’insicurezza e le indecisioni che lo hanno accompagnato nelle sue 5 apparizioni. Un solo clean sheet, contro il Genoa, messo peggio dell’Udinese. (10 goal subiti in 5 partite).

 

Difensori

 

  • 3) Impossibile non inserire Nenad Tomovic (MV 5,25 in 6 partite), (fantamedia 5). Le prime due partite disputate ancora con la maglia viola sono da dimenticare, ma dopo essere sbarcato al Chievo ed aver assistito dalla panchina alla sconfitta con la Juve è stato sempre titolare. Due gare appena sufficienti coi clivensi e due con errori gravi, uno contro l’Atalanta causando il rigore del pari su Orsolini e l’altra proprio contro i Viola perdendosi Thereau sul goal di Simeone. Se poi ci mettiamo anche che è stato ammonito 3 volte su 6, beh allora i fantallenatori possono prendersela con lui.

 

  • 2) Al secondo posto di questo podio poco ambito troviamo Di Chiara del Benevento, insieme a Ferrari e Caceres dell’Hellas con fantamedia 5,1 tutti con 5 gare disputate. Scegliamo, però, Lorenzo Venuti della formazione dei sanniti visto che è stato presente in tutti e 7 gli incontri. (MV 5,14 e fantamedia 4,86). La sua fantamedia è la quinta peggiore dopo Souprayen (5 partite) e gli sfortunati Romagna, Dussenne e Migliore che hanno giocato una sola volta. Il terzino di Baroni ha disputato buone gare solo col Torino e con l’Inter, tanto da guadagnarsi 6,5, ma nelle altre 5 prestazioni, tutt’altro che indimenticabili ha persino preso un 3,5 contro la Roma, dove è stato sfortunato protagonista di un’autorete.

 

  • 1) Il peggiore è sicuramente Samuel Souprayen: (MV 4,7 in 5 presenze), (fantamedia: 4,1). Il terzino francese è il giocatore con la fantamedia più bassa, mentre come media voto è penultimo dopo Romagna (4,5 in una sola presenza). Prestazioni imbarazzanti, condite da un rosso rimediato contro la Roma, per un giocatore che poteva rappresentare una bella scommessa nelle fantaleghe. Dopo il primo anno in A, difficile anche per problemi di ambientamento, vista la discreta stagione in Serie B, questa poteva essere l’annata della consacrazione, e invece no. Pecchia nelle ultime tre gare lo ha fatto giocare solo contro la Lazio, solo per 45’, e quindi il tecnico sembra aver perso la fiducia in lui. E anche i fantallenatori.

 

Centrocampisti

 

  • 3) Non potendo inserire Bertolacci in questa classifica, viste le sole 4 gare giocate e macchiate da un’espulsione, inseriamo Marcus Rhoden al terzo posto (MV 5,42 in 6 partite) (fantamedia 5,83). Sì, ci sono stati centrocampisti finora peggiori e lui ha anche realizzato un goal, facendo alzare di poco la sua fantamedia, ma nelle altre 5 gare è stato inguardabile. Non vale più la scusa dell’esordio in Serie A, visto che a parte la gara in goal col Benevento le sue valutazioni sono oscillate tra il 5,5 e il 5. Qualcosa vorrà pur dire?

 

  • 2) Danilo Cataldi: (MV 5,36 in 7 partite) (fantamedia 5,36). L’assist alla prima giornata per Ciciretti è stata una semplice illusione, così come il 6 alla seconda giornata. Da lì in avanti l’ex cervello della Lazio, che doveva far fare il salto di qualità alla formazione sannita si è cominciato ad eclissare e con lui anche i suoi compagni. 2 ammonizioni e tante insufficienze, tra cui quella nel suo derby contro la Roma, dove ha rimediato un bel 4,5. Se il Benevento ha zero punti sarà anche un po’ colpa sua, no?

 

  • 1) Dando una nota di demerito a Chibsah, che con sole tre partite ha la peggiore media e fantamedia di tutti (4,83) anche se ha giocato contro Napoli, Roma e Inter, il peggiore centrocampista finora è Mattia Valoti. Il giocatore del Verona (MV 5,25 in 6 partite), (fantamedia 4,92) dopo la prima in panchina contro il Napoli ha realizzato un crescendo di prestazioni in negativo. Complice anche l’andamento della squadra scaligera, l’ex talento del vivaio milanista non ha mai raggiunto la sufficienza in pagella. Ammonito anche in 4 occasioni, toglietelo subito dalle vostre formazioni, se non l’avete già fatto.

 

Attaccanti

 

  • 3) Certo Coda e Paloschi non ricorderanno quest’inizio di campionato con particolare gioia, ma sul gradino più basso dei fantaflop ci finisce di diritto Mattia Destro. Il suo inizio di stagione è preoccupante (MV 5,5 in 4 partite) e (fantamedia 5,38), visto che nelle prime tre partite al di sotto della sufficienza gli avevano tolto lo status di titolare assoluto, a beneficio di Palacio e Petkovic. Donadoni non lo ha proprio inserito dalla quarta alla sesta giornata, concedendogli solo una mezzora finale col Genoa, dove è stato bravo nell’azione del goal di Palacio. 30 minuti basteranno per rivederlo dal primo minuto contro la Spal? Si sa che però una rondine non fa primavera.

 

  • 2) Sì certo Fares, Ricci, Puscas e Politano hanno medie voto più basse della sua, ma viste le attese l’argento dei fantaflop attaccanti lo merita Daniele Verde: (MV e fantamedia 5,42 in 6 partite). La doppietta in Coppa Italia ad una settimana dal campionato aveva illuso molti addetti ai lavori e molti fantallenatori, che non avevano considerato la bassa cifra tecnica della formazione di Pecchia. 6 partite senza nemmeno un sussulto, senza mai schiodarsi dal suo abitudinario 5,5, se non in tre occasioni, dove ha rimediato ben due 5 e un solo 6 ma giocando solo mezzora da subentrato contro la Roma, come se fosse un 6 politico.

 

  • 1) Al primo posto c’è… udite, udite: Leonardo Pavoletti (MV e fantamedia 5,12 in 4 partite). L’attaccante del Cagliari è in questo segmento di campionato il re dei flop. Molte erano le attese dei tifosi sardi, per il colpo più costoso della loro storia (12 milioni), sia dei tanti fantallenatori pronti ad accaparrarselo vista la sua sicura titolarità in Sardegna dopo la muffa in panchina col Napoli. Beh la lunga inattività non deve aver fatto bene al Pavo che finora ha fatto davvero male. Maluccio all’esordio col Crotone, generoso ma sprecone con la Spal, disastroso col Sassuolo con rigore causato e sostituzione annessa, e invisibile contro la sua ex squadra al San Paolo.
Commenti
Caricamento...