Vivere con la propria passione

Flop 11 8° Giornata Serie A

La peggiore formazione della giornata di campionato appena conclusa.

0

Dopo aver visto i migliori del turno, è ora di volgere l’attenzione ai giocatori che hanno regalato poche gioie – per usare un eufemismo – ai fantallenatori che hanno puntato su di loro. Con l’ausilio dei voti di Fantagazzetta vediamo il peggior undici della settimana. Alcune new entry di lusso vi stupiranno. Il modulo è il 5-3-2.

Handanovic 6,5: L’estremo difensore sloveno dell’Inter ha il grande merito di compiere più di un intervento prodigioso, ma sulla sua fantamedia pesa l’autorete causato dal rimbalzo del pallone sul piede dopo la conclusione di Bonaventura.

Antei 4,5: Il difensore prelevato dal Sassuolo gioca appena mezz’ora lasciando i suoi in inferiorità numerica dopo il brutto intervento su Valoti. L’espulsione condiziona la gara dei sanniti che ancora una volta devono abdicare a dispetto di un avversario in lotta per la salvezza.

Salamon 5: Il difensore polacco della Spal soffre contro il sempreverde Rodrigo Palacio che lo umilia con le sue giocate e le sue accelerazioni. Sembra assurdo per un difensore che ha quasi 10 anni in meno all’ex Boca e Genoa. Peggiora la sua prestazione trafiggendo il proprio portiere Gomis.

Van Der Wiel 4,5: Debutto da incubo per l’ex Psg e Ajax tra le altre. È visibilmente fuori condizione e costantemente fuori posizione. Per lui la fase difensiva è optional e dalle sue parti il Genoa fa ciò che vuole. Rastelli lo sostituisce perché non ne può più dei continui errori in fase di disimpegno.

Bonucci 4,5: Il difensore della Nazionale appare nel pallone come i suoi compagni di reparto. Male in occasione dei primi due goal di Icardi dove prima sbaglia la diagonale e poi lascia colpevolmente solo Icardi in occasione del secondo goal. La fiducia è da ritrovare, così come gli equilibri giusti con Romagnoli e Musacchio.

Patric 5: Subentra nei minuti finali, ma rischia di farla grossa quando atterra in area di rigore Bernardeschi. Intervento goffo e scomposto che poteva regalare alla Juventus il pareggio. Non è ammissibile che vengano commesse ingenuità di questo livello.

De Rossi 5: Il capitano giallorosso fatica e non poco contro gli avanti partenopei. Pesa sul suo voto il cartellino giallo e l’assist involontario con cui Insigne batte Alisson e sigla il goal che poi deciderà il match. Poco ordine nelle trame della squadra di Di Francesco.

Biglia 5: Il mediano argentino del Milan appare imbrigliato dai centrocampisti nerazzurri, ma soprattutto soffre il loro dinamismo. In occasione del 2-1 dell’Inter perde un sanguinoso pallone a centrocampo e dà l’avvio al contropiede culminato con il secondo goal di Icardi.

Verre 5: L’uomo in meno della Samp nel primo tempo. Fa male in entrambe le fasi e non riesce a garantire quel cambio di passo che dovrebbe fornire una mezzala. Fuori posizione e non in condizione, Gianpaolo se ne accorge e lo sostituisce con Linetty, che sarà tra i protagonisti della rimonta.

Higuain 5: Il centravanti bianconero sembra aver smarrito il suo killer instinct e se continua di questo passo l’unico titolo che vincerà sarà il “Tapiro d’oro”, appena consegnatogli da “Striscia la notizia”. Poco freddo e lucido sotto rete e mai coinvolto appieno nella manovra dei campioni d’Italia in carica. Condannato alla Flop 11 dal voto statistico (4,5) più basso rispetto ad altri attaccanti.

Dybala 5: Ci risiamo. Ancora un rigore sbagliato per la “Joya”. Da un albanese all’altro, prima Berisha, ora Strakosha negano la rete dal dischetto all’ex Palermo. Dopo la gara di Bergamo sembra aver smarrito un po’ le sue certezze e il periodo di riposo in Nazionale non pare avergli giovato.

Commenti
Caricamento...