Consigli Fantacalcio 17° Giornata Serie A: Attaccanti

Ecco chi potrebbe fare la differenza tra i giocatori del reparto avanzato

0

Archiviati i primi 4 ottavi di finale di Coppa Italia, testa di nuovo al campionato che prevede ben 3 anticipi, proprio con alcune delle squadre che saranno coinvolte nelle restanti sfide della coppa nazionale, previste tra martedì e mercoledì. Sarà l’Inter ad aprire il 17esimo turno di Serie A, con l’insolito anticipo del sabato alle 15, quando la capolista ospiterà l’Udinese, rigenerata dalla cura Oddo. Alle 18 il Torino, reduce dalla convincente vittoria a Roma, anche se facilitata da Giacomelli, affronterà un Napoli abbastanza claudicante nel recente periodo, per via dell’assenza di Ghoulam e dalla pubalgia di Insigne che però potrebbe esserci.

Chiude il sabato un non scontato Roma-Cagliari, con i giallorossi ovviamente favoriti, ma le ultime prestazioni dei sardi invitano la squadra di Di Francesco ad usare la prudenza. La domenica si apre col lunch match del Bentegodi tra Hellas e Milan, per poi proseguire con alcune interessanti alle 15, su tutte Bologna-Juve, al tramonto alle 18 con un delicatissimo Benevento-Spal e calare il sipario col big match dello stadio “Atleti Azzurri d’Italia” che vedrà di fronte Atalanta e Lazio. Abbiamo elencato le partite in programma, ora andiamo a dare un’occhiata agli attaccanti che potrebbero fare la differenza, ai sicuri e alle possibili sorprese.

Inter-Udinese: Un’altra friulana per l’Inter dopo aver sofferto col Pordenone che ha sfiorato l’impresa in Coppa Italia. Ecco l’Udinese di Massimo Oddo che nelle ultime due ha raccolto 6 punti, realizzando 5 reti e non subendone alcuna. Una vecchia conoscenza per Candreva, Handanovic e soprattutto per mister Spalletti che vorrà mantenere l’imbattibilità in campionato e tornerà ad affidarsi ai suoi titolarissimi. Praticamente impossibile non puntare su Icardi, entrato nel finale col Pordenone, e che vorrà tornare a segnare dopo essere rimasto a secco allo Juventus Stadium. Maxi Lopez difficilmente farà goal ad Handanovic, ecco perché un nome a sorpresa può essere Lasagna: l’attaccante tifoso nerazzurro, già segnò a San Siro alla beneamata ai tempi del Carpi e in questa stagione ha già timbrato a Milano nella sfida persa 2-1 coi rossoneri.

Torino-Napoli: Anche se nella passata stagione gli azzurri di Sarri passeggiarono all’Olimpico di Torino, rifilando 5 reti ai granata, peggior avversario non poteva capitare ora, visto il momento di difficoltà che sta colpendo i partenopei. Per ritrovare il goal, che manca da due partite, il tecnico ex Empoli sembra deciso a puntare sui soliti 11, tentando Insigne dal primo minuto, tornato da poco ad allenarsi. Potrebbe essere il Magnifico il nome che nessuno si aspetta, visto che non è ancora al top. Ljajic, dopo la tribuna punitiva con la Lazio, sembra pronto a tornare titolare, ma più che sul serbo potreste insistere sul “Gallo” Belotti decisamente più brillante nelle ultime uscite e che potrebbe tornare a segnare, proprio contro gli azzurri ai quali ha realizzato i primi 2 goal in Serie A.

Roma-Cagliari: Entrambe vengono da un pareggio ma con stati d’animo contrapposti: i giallorossi delusi per lo 0-0 di Verona ottenuto per colpa di un insuperabile Sorrentino, mentre i rossoblù sono euforici dopo il 2-2 rimediato in rimonta contro la Samp. Occhio, quindi, a non sottovalutare la squadra di Lopez che potrebbe mettere in seria difficoltà l’undici di Di Francesco, che sembra tentato dal lanciare Schick dal primo minuto. Il ceco, al possibile esordio da titolare all’Olimpico, apparso in forma nella gara del Bentegodi, potrebbe essere l’arma a sorpresa in questo turno. Occhio se puntate su Pavoletti: se non avete scelta schieratelo, ma finora l’ex Napoli ha segnato i suoi 4 goal tutti tra le mura amiche. Chi potrebbe risultare decisivo anche a gara in corso è Farias, in rete nell’ultimo turno e capace di spaccare in due la sfida con le sue accelerazioni subentrando da riserva.

Hellas Verona-Milan: Scorso pranzo indigesto per i rossoneri, per via del goal di Brignoli, e per sfatare la maledizione della Fatal Verona, la squadra di Gattuso proverà a ripetere le gesta messa in pratica nella gara di Coppa Italia. Lì Pecchia aveva puntato su non molti titolari in vista della gara casalinga, più importante per la volata salvezza, rispetto all’ottavo di Tim Cup. L’ex Pazzini, ancora tifoso dei rossoneri (o Cerci col dente avvelenato, sbloccatosi nella scorsa partita) possono giocare brutti scherzi a Donnarumma e compagni. I diavoli vogliono, però, mostrare anche in campionato i progressi visti mercoledì ed ottenere altri tre punti dopo la vittoria di domenica col Bologna. Non dovrebbe partire dal primo minuto ma il nome da spendere è quello di Cutrone, ormai non più una sorpresa, capace da dare tutto sia da prima punta che nel ruolo di esterno.

Bologna-Juventus: I felsinei non vincono da due turni, fermi al successo con la Samp, contro i bianconeri che non subiscono più goal dall’infausta trasferta proprio contro i blucerchiati. La squadra di Donadoni è uscita a testa alta da San Siro, con una buona prestazione nonostante la sconfitta col Milan, ma dovrà rinunciare probabilmente a Palacio. Che sia la volta buona per vedere da titolare l’uomo della provvidenza in casa rossoblù? Orij Okwonkwo che finora ha siglato 3 goal fondamentali sempre da subentrato. In casa bianconera tiene banco la questione Dybala ed è rischioso puntare sull’argentino, mentre la fantacertezza è Mario Mandzukic visto che i tanti errori nella gara con l’Inter rappresentano un’eccezione.

Crotone-Chievo: Il Crotone di Zenga che è al suo esordio allo Scida, dopo la sconfitta subita dal Sassuolo, deve tornare a far punti per non finire nelle sabbie mobili della lotta per non retrocedere. In Calabria si presenta il Chievo, molto celebrato in settimana per la splendida prestazione di Sorrentino con la Roma, ma che in trasferta balbetta, basti vedere la cinquina subita dall’Inter. Ecco perché Budimir potrebbe tornare a far goal, dopo che al Mapei è stato anticipato da Acerbi. Tra gli attaccanti clivensi va sottolineato il non perfetto periodo di Meggiorini ed Inglese, che sembrano destinati a partire titolari, ma la chiave potrebbe essere Stepinski pronto a subentrare, con buono spirito come fatto nel finale di settimana scorsa coi giallorossi.

Fiorentina-Genoa: Una viola rinvigorita dopo la bella vittoria in Coppa Italia e il pareggio rimediato al San Paolo che se la vedrà contro un Genoa che nelle ultime due trasferte ha trovato sei punti pesanti. Sarà Pioli contro Ballardini ma soprattutto sarà Simeone contro Lapadula. Il Cholito tornerà al centro dell’attacco, ma chi potrebbe fare la differenza è Thereau che non ha ancora segnato dal suo ritorno dall’infortunio. Una scommessa vincente potrebbe essere anche Babacar, molto positivo nella gara vinta con la Sampdoria. Dicevamo di Lapadula che potrebbe essere lanciato dal primo minuto al fianco di Taarabt, vista l’opaca prova di Pandev con l’Atalanta.

Sampdoria-Sassuolo: I blucerchiati sono in crisi di risultati e cercano riscatto contro gli emiliani reduci dalla prima vittoria casalinga. Sulla carta non dovrebbe esserci partita visto la distanza che separa le due formazioni in classifica, ma attenzione a sottovalutare i neroverdi che hanno mostrato nuova verve da quando Iachini è subentrato a Bucchi. Giampaolo si affiderà al classico tandem d’attacco Quagliarella-Zapata, ma potreste puntare anche su Caprari, positivo con la Fiorentina e possibile titolare da trequartista o riserva che chiede spazio nella ripresa. Politano è una certezza, Falcinelli meglio di Matri, ma potrebbe essere scoccata l’ora del ritorno di Berardi: l’ex Juve potrebbe essere la sorpresa di giornata.

Benevento-Spal: Scontro salvezza dal sapore thriller: un successo o un pari dei sanniti riaprirebbe l’operazione impossibile di rimonta, una vittoria invece degli emiliani suonerebbe quasi come un colpo del ko per i beneventani. De Zerbi si giocherà il tutto per tutto per centrare la prima vittoria storica in serie A del club, e oltre al recuperato Ciciretti e all’insostituibile D’Alessandro giocherà Puscas. L’ex Inter non è sicuro del posto e la mossa che non ti aspetti potrebbe essere Armenteros. Semplici, invece, come sempre si affiderà ad una coppia diversa: nome sicuro Paloschi, nome da tentare Antenucci, nome da scartare Borriello.

Atalanta-Lazio: I nerazzurri vengono dalla convincente vittoria sul campo del Genoa, mentre gli ospiti tenteranno di riscattare i torti subiti col Torino, dopo la bella prova col Cittadella. Sembra un nome certo quello del Papu Gomez, ma il suo rendimento nelle ultime partite è leggermente calato, per via anche del doppio impegno campionato-Europa League. Sorpresa Caicedo che potrà sfruttare l’assenza di Immobile per squalifica per mettere in mostra le sue qualità, suo il goal decisivo, tra l’altro, due settimane fa al Ferraris di Genova.

Commenti
Caricamento...