Consigli Fantacalcio 23° Giornata Serie A: Attaccanti

Attaccanti da schierare e quelli da evitare nel prossimo week-end

0

Sampdoria-Torino aprirà la 23esima giornata di Serie A, sabato alle ore 18, che si chiuderà col monday night tra Lazio e Genoa. Nel mezzo nessun big match ma molte gare cruciali: a partire dall’anticipo del sabato sera dove l’Inter è costretta a vincere a San Siro, dopo due mesi di astinenza, ma contro troverà il grande ex Walter Zenga che nonostante l’affetto non vorrà lasciare punti. Il lunch match, poi, vedrà coinvolte l’Hellas capace di una grande impresa a Firenze ed una Roma in crisi profonda tra mercato e risultati. Interessanti nel pomeriggio le gare del Milan ad Udine e lo scontro salvezza Cagliari-Spal. Il duello scudetto, infine, prevede Juve-Sassuolo e Benevento-Napoli. Ecco i nomi degli attaccanti che potrebbero fare la differenza per il vostro fantacalcio.

Sampdoria-Torino: Una delle partite più equilibrate si gioca di sabato nell’anticipo di Marassi, tra una Samp che ha ritrovato sorrisi e sette punti nelle ultime tre gare disputate e un Torino rivitalizzato da Mazzarri che cerca conferma anche in trasferta dopo il netto successo casalingo col Benevento. Visto il ballottaggio di Quagliarella, non al meglio, con Caprari, meglio puntare sulla certezza Duvan Zapata. Belotti, invece, scalpita per tornare al centro dell’attacco ma vista la difficoltà della partita meglio puntare sul folletto Iago Falque. Niang torna esterno, quindi, non perdete la testa per lui.

Inter-Crotone: La beneamata cerca un successo che manca da due mesi esatti: era, infatti, il 3 dicembre quando l’Inter schiantò 5-0 il Chievo. Ora la situazione è drammatica e i nerazzurri hanno un disperato bisogno dei tre punti, ma attenzione al Crotone del grande ex Zenga che viene da una vittoria negata solo da Tagliavento nell’ultimo turno col Cagliari. Puntate forte su Eder, responsabilizzato da essere la punta di diamante dell’attacco dell’Inter visto l’infortunio di Icardi. Tra i calabresi conviene sempre puntare su Ricci, capace di servire assist o conclusioni dalla distanza.

Hellas Verona-Roma: Chi se lo sarebbe aspettato che gli scaligeri dopo aver perso in casa col Crotone sarebbero andati a vincere per 1-4 a Firenze. L’Hellas è una squadra folle, così come la Roma che non vince dal 16 dicembre col Cagliari ma dimostra una preoccupante sterilità offensiva. Tra i gialloblù vista la squalifica di Kean, dovrebbe toccare a Petkovic guidare l’attacco, ma con pochi crediti potete assicurarvi un altro grande protagonista della trasferta di Firenze: Ryder Matos che con la sua velocità può mettere in difficoltà i giallorossi. Dzeko, per far tacere i critici, dopo le tante voci di mercato ha un solo modo: fare goal e in questa gara sembra il protagonista più atteso.

Atalanta-Chievo: I bergamaschi sono attesi da un difficile compito: eh già perché nelle tre trasferte i nerazzurri hanno sempre ottenuto il bottino pieno, mentre nelle tre gare giocate in casa, compresa quella di martedì con la Juve, sono arrivate altrettante sconfitte. Compito non arduo sulla carta contro il Chievo in caduta libera, specie fuori casa, ma attenzione alle sorprese. Dovrebbe tornare titolare Petagna, a discapito di un deludente Cornelius che nelle ultime gare ha trovato solo 5,5: ecco perché puntare sul bomber ex Milan. Tra i clivensi, invece, potrebbe tornare Inglese ma non sembra al meglio, perciò si potrebbe scegliere il low cost Stepinski.

Bologna-Fiorentina: Entrambe reduci da una sconfitta ma arrivano alla gara con stati d’animi opposti, con un obiettivo comune: la vittoria. I felsinei, aldilà del ko del San Paolo, non hanno grandi ambizioni di classifica e quindi cercheranno i tre punti per l’orgoglio. I toscani, invece, vengono da due pesanti sconfitte e devono darsi una svegliata se vogliono puntare all’Europa League. Dovrebbe tornare titolare al centro dell’attacco Mattia Destro e viste le sue recenti prestazioni potrebbe regalare un +3. Non segna da due giornate e cerca riscatto anche il Cholito Simeone. Occhio al possibile ingresso dei neo arrivati Orsolini e Falcinelli.

Cagliari-Spal: Scontro salvezza determinante per Cagliari e Spal che per motivi differenti hanno trovato nei minuti finali delle rispettive partite il medesimo risultato: l’1-1. In questa gara un pareggio potrebbe non servire a nessuno, attenzione allora ai bomber delle due compagini a caccia del gol decisivo. Torna dalla squalifica Pavoletti, che in casa ha sempre dato tutto, nonostante i goal arrivati siano stati soltanto 5, di cui 4 tra le mura amiche. E’ tanta la tentazione di puntare su Paloschi, decisivo contro l’Inter, ma la sua titolarità è in dubbio: ecco perché è più saggio andare sull’inamovibile Antenucci. Farias rischia col ritorno di Joao Pedro e non rischiate anche voi.

Juventus-Sassuolo: Una sfida dal risultato abbastanza scontato: i bianconeri sono dei tritacarne in casa e difficilmente faranno sconti al Sassuolo, che ha sempre faticato allo Stadium. Imperforabili in difesa e con un Higuain ritrovato la gara sembra essere già delineata. Certezza l’argentino, cosi come Mandzukic, anche quando non segna. Ci sentiamo di sconsigliare i vari attaccanti del Sassuolo che per vari motivi potrebbero far male: Politano scosso dalle vicende di mercato, Berardi è in fase calante e Babacar è appena arrivato. Il senegalese, però, tenetelo d’occhio per le partite a venire.

Udinese-Milan: Sfida dal sapore d’Europa League per due allenatori arrivati in corsa ma che hanno saputo riprendere i binari giusti: gran campionato finora per i friulani sotto la gestione Oddo che hanno trovato un preziosissimo successo nell’ultima col Genoa, così come sembrano rinati i rossoneri di Gattuso che hanno raccolto 9 punti nelle prime tre gare del girone di ritorno. Consigliati d’obbligo Lasagna, che nel girone d’andata ha segnato contro entrambe le milanesi, e Cutrone, graziato dal giudice sportivo, e vero fattore in più dell’attacco meneghino. Bocciature per Maxi Lopez e Perica, così come per Kalinic e André Silva destinati a giocare eventualmente pochi scampoli di partita.

Benevento-Napoli: Derby campano in cui chi perde è perduto: tre punti sarebbero vitali per i sanniti per continuare a credere in un miracolo salvezza ma sarebbe deleterio per i partenopei per la corsa scudetto. Una vittoria degli azzurri, invece, significherebbe non lasciare terreno alla Juve ed affossare quasi certamente i giallorossi. De Zerbi punterà su Coda, che nelle ultime due gare casalinghe è stato grande protagonista: potrebbe far goal anche se la fase difensiva degli azzurri è nettamente migliorata. Mertens si è ritrovato, ma il suo nome sarebbe troppo scontato, ecco perché credere in un ritorno al goal di Insigne.

Lazio-Genoa: Dopo le due partite col Milan i biancocelesti hanno voglia di rivalsa tornando all’Olimpico, che sabato ospiterà il 6 Nazioni, ed ecco perché si gioca di lunedì. Il grifone nelle ultime due gare ha preso soltanto un goal per partita ma ha perso sempre, ed ecco perché la gara sembra scontata ma anche il miglior attacco del campionato per segnare ai ragazzi di Ballardini. Oltre che sul redivivo Immobile, potreste anche dare una chance a Nani, sempre subentrato bene nelle recenti partite. Non ci sono garanzie, invece, per l’attacco rossoblù perché si rinnoverà l’eterno ballottaggio tra Pandev, Lapadula e Galabinov che garantiscono comunque pochi gol.

Commenti
Caricamento...