Consigli Fantacalcio 37° Giornata Serie A: Attaccanti

I bomber che potrebbero essere decisivi nel prossimo turno

0

Penultima giornata di Serie A che potrebbe essere importante per i vari obiettivi: alla Juve basta un punto per il settimo scudetto, la lotta Champions all’ultima curva prima dello scontro diretto tra Lazio ed Inter, la contesa Europa League che vede la sfida tra Atalanta e Milan con la Fiorentina pronta ad approfittarne e la bagarre salvezza dove si attende di scoprire chi accompagnerà Benevento ed Hellas in Serie B. Il piatto è assai ricco ed ecco perché conviene ascoltare i consigli di GCC per provare a sferrare un gran bel colpo al fantacalcio. Vediamo di seguito gli attaccanti da tenere in considerazione per la 37° giornata.

Benevento-Genoa: Anticipo del sabato alle 18 che non regalerà certo emozioni per la classifica ma certamente spirito agonistico tra due squadre che vorranno riscattare le sconfitte del precedente turno contro Spal e Fiorentina. I sanniti in casa sembrano avere qualche stimolo maggiore, così come è pur vero che il Grifone quest’anno si è espresso meglio lontano da Marassi. È stato l’uomo del week-end scorso: Pepito Rossi, che può ripetersi anche al “Vigorito”, ma non scartate Lapadula, match winner dell’andata, in grado di far bene anche subentrando a gara in corso.

Inter-Sassuolo: La gara del sabato è di sicuro l’anticipo del sabato sera tra nerazzurri e neroverdi, che vedrà probabilmente quasi 70mila spettatori: un vero record se si pensa al blasone del Sassuolo, spiegato dal fatto che l’Inter vuole a tutti i costi la Champions e vincendo metterebbe pressione alla Lazio in attesa dello scontro diretto. Facile dire Icardi, considerati anche i suoi buoni precedenti col Sassuolo, specie a San Siro, e il suo ottimo periodo di forma. Anche, però, il low cost Karamoh che entra sempre bene può essere un opzione. State, invece, alla larga da Eder. Questa non è mai stata la gara di Berardi, mentre potrebbe essere intrigante Politano che non si ferma più ed ha già segnato a San Siro un mese fa.

Bologna-Chievo: Il Bologna per chiudere bene questo torneo, proprio nell’ultima gara davanti al suo pubblico, e il Chievo, inserito tra le 5 squadre ancora il cerca della salvezza, per allontanarsi dal terzultimo posto distante ora solo un punto ed occupato dal Cagliari. Gli ingredienti per un pomeriggio rovente ci sono tutti ma non prevediamo valanghe di goal. Palacio si è inceppato e quindi meglio puntare su chi ha voglia del primo goal in A come Orsolini, dopo che il Var glielo ha tolto contro il Milan. Tra i clivensi è vero che Inglese garantisce la titolarità ma Stepinski è l’uomo più in forma e fossimo in voi punteremmo su di lui ad occhi chiusi.

Crotone-Lazio: È la sfida più interessante tra quelle delle 15 visto che per entrambe la posta in palio è altissima. I calabresi, dopo aver perso lo scontro diretto col Chievo, oltre ai capitolini dovranno affrontare il Napoli al San Paolo e sono perciò obbligati a fare punti tra le mura amiche per sperare nell’impresa, che lo scorso anno si concretizzò all’ultima giornata battendo proprio la Lazio allo Scida. I biancocelesti, invece, sapranno già il risultato dell’Inter e dovranno vincere per non arrivar dietro al big match di domenica prossima. Potrebbe essere sfida tra Simy e Caicedo, ma attenzione agli outsider Tumminello (in rete col Chievo) e Nani (in ballottaggio con l’ecuadoregno).

Fiorentina-Cagliari: Se la gara dello Scida è fondamentale, quella del Franchi è di assoluta importanza per il sogno Europa League viola da cullare almeno fino alla fine e la salvezza del Cagliari, ora estremamente difficile visto che i sardi ora devono rincorrere e oltre i Viola dovranno affrontare la Dea all’ultima curva. Se Simeone è l’uomo di punta per la Fiorentina, continuiamo a sostenere che Falcinelli anche da subentrato può riservare sorprese. Pavoletti è l’attaccante a cui si aggrappa il Cagliari ma in una gara del genere Farias, apparso ritrovato contro la Roma può essere l’uomo giusto.

Torino-Spal: Una squadra che vuole chiudere questa deludente stagione cercando già di programmare la prossima e una che deve ancora salvarsi. Il Torino, pur senza obiettivi, non è in vacanza come dimostra il pari al San Paolo, mentre la Spal è colei che guida la carovana delle 5 squadre a rischio a 2 punti solo dalle sabbie mobili. Non c’è esito scontato in questo match e la sfida generazionale tra Belotti, forse all’ultima gara all’Olimpico Grande Torino, e Antenucci, leader degli spallini, può essere a suon di gol. Non ci sentiamo di scartare anche le ipotesi Niang e Paloschi.

Hellas Verona-Udinese: Una sfida ad alta tensione: al Bentegodi il Verona, già retrocesso, vuole chiudere davanti al suo pubblico in maniera dignitosa ma dovrà sudare contro un Udinese in crisi d’identità, anche dopo il cambio di guida tecnica. I friulani sono in caduta libera da inizio febbraio e senza un successo sarebbero a serio rischio retrocessione. Dal punto di vista fantacalcistico a parte Lasagna non ci sono altri attaccanti in grado di fare la differenza. Uno dei grandi problemi delle due squadre e soprattutto dei gialloblù è non aver puntato su un bomber.

Atalanta-Milan: Lo spareggio Europa League si gioca alle 18 allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia”. L’Atalanta, nonostante il pari contro la Lazio, arriva in uno stato psicofisico migliore rispetto al Milan, che ha si scavalcato i nerazzurri nell’ultimo turno, perdendo, però, malamente la finale di Tim Cup con la Juve. Saranno le motivazioni a fare la differenza in un campo solitamente ostico per i colori rossoneri, che devono risolvere l’eterno enigma centravanti: difficile scegliere e allora meglio non scegliere tra Cutrone, Kalinic e André Silva. Tra i padroni di casa la certezza è Gomez.

Sampdoria-Napoli: Le speranze di entrambe per l’Europa League e lo Scudetto esistono ancora per l’aritmetica ma realmente le possibilità di centrare i rispettivi obiettivi sono quasi pari allo 0 %. Sarà lo stesso una sfida tra due compagini che hanno mostrato un grande calcio durante la stagione finendo per appassirsi in primavera. Il maestro Sarri e il suo allievo Giampaolo hanno dato grande lustro a Napoli e Samp che domenica sera per la gloria cercheranno i tre punti. Il grande ex Quagliarella per problemi fisici potrebbe essere out: la soluzione alternativa è Kownacki. Tra i tenori del Napoli diamo ancora fiducia a Insigne; Mertens out e Milik in.

Roma-Juventus: La Roma è vicinissima al terzo posto in maniera aritmetica, così come la Juve al settimo posto. Teoricamente un punto andrebbe bene ad entrambe ma la prospettiva festeggiamenti bianconeri all’Olimpico non alletta i romanisti che vorrebbero tirare uno sgambetto agli odiati rivali. Dzeko è il pericolo numero uno per Buffon e compagni, i quali dovranno prestare attenzione anche ad un ispirato El Shaarawy. I bianconeri potrebbero schierare l’artiglieria pesante con i tre attaccanti tutti titolari; vista la bella prova in finale di Tim Cup punteremmo sulla Joya Dybala, anche in ottica Mondiale.

Commenti
Caricamento...