Flop 11 – 6° Giornata Serie A 2018-19

Le note dolenti del turno infrasettimanale

0

C’è chi eccelle e chi fatica. Stiamo parlando dei migliori che abbiamo già visto e dei peggiori, delle note dolenti di cui vi parlo in questo post. Vecchie conoscenze e new entry ci regalano una formazione che nessun fantallenatore vorrebbe. Il modulo è il 5-3-2 seguendo i fantavoti di Fantagazzetta.

Sportiello (Frosinone) 1: Il portiere frusinate ha un compito ingrato. Salvare il salvabile in una squadra che finora fa acqua in tutti i reparti e non riesce a trovare in alcun modo la via della rete. La sua presenza è diventata una costante in questa formazione.

Stryger Larsen (Udinese) 4,5: Gara insufficiente perché non riesce quasi mai a fare la cosa giusta. In occasione della rete decisiva di Correa si fa saltare in maniera decisamente troppo ingenua per un calciatore della sua esperienza.

Capuano (Frosinone) 4,5: Sta a guardare inerme gli attacchi giallorossi, senza mai comprendere il modo per arginarli. Under fa ciò che vuole nella sua zona di competenza seminando il panico e mettendolo costantemente in difficoltà.

Skriniar (Inter) 4: Prova positiva per il centrale nerazzurro che ha la sfortuna di deviare in maniera beffarda per Handanovic la conclusione di Chiesa dal limite. Siamo sicuri che sia stata solo una questione di cattiva sorte per il centrale difensivo slovacco.

Paz (Bologna) 4,5: Debutto stagionale da incubo per il difensore argentino che incappa in una prova da dimenticare. Sembra spaesato, alla ricerca costante di punti di riferimento per fermare gli avanti della Juventus. Come lui l’esperto Danilo.

Rossettini (Chievo Verona) 4,5: Contro la sua ex squadra delude profondamente per attenzione e lucidità nelle giocate decisive. Commette diverse sbavature e non riesce a contrastare la piovra Piatek che dà fastidio alla difesa clivense con i suoi movimenti.

Hetemaj (Chievo Verona) 4: Il centrocampista finlandese di origini kosovare disputa una delle sue peggiori gare in carriera. Perde una quantità impressionante di palloni, commette falli al limite ed estremamente rischiosi. Male, molto male.

Badelj (Lazio) 3,5: Chiamato a sostituire Lucas Leiva, il centrocampista croato disputa una buona prova macchiata inevitabilmente dall’autogol sulla rovesciata di Nuytinck. Colpo di testa che inganna Strakosha ed alimenta le vane speranze di rimonta friulane.

Capezzi (Empoli) 3: Prova così così per il centrocampista empolese che è l’unico a superare Terracciano nella serata del “Castellani”. Peccato che il portiere sopracitato sia suo compagno di squadra. Per sua fortuna ci pensa Ciccio Caputo a ristabilire la parità.

Leris (Chievo Verona) 4,5: Mossa a sorpresa di D’Anna. Dentro l’ex Primavera gialloblù che era chiamato a dare brio e dinamismo. Epilogo amarissimo la sua sostituzione senza essere mai entrato in partita. Pessima prova e doccia anticipata.

Kownacki (Sampdoria) 1,5: Sostituire Quagliarella non è semplice. Dawid ha dimostrato di aver coraggio quando si è assunto la responsabilità di calciare il penalty. Purtroppo non gli è andata bene. Avrà tempo e modo di rifarsi il classe 97.

Top 11
I peggiori del turno
Commenti
Caricamento...