Dream 11, la passione per i DFS travolge anche l’India

Altra piattaforma interessante nell'ambito dei Fantasy Games

0

Nel post odierno, voglio parlarvi di Dream 11, un’altra piattaforma di Daily Fantasy Sport particolarmente importante e seguita. Il progetto è nato in India e ha conquistato proprio il mercato domestico nella fase iniziale, fornendo tornei legati al cricket, all’hockey, al calcio e al basket, diventando la prima compagnia di gioco ad entrare, nell’aprile del 2019, nell’Unicorn Club. Cosa si intende con quest’ultimo termine? Significa essere in grado di far parte nell’esclusivo circolo delle aziende capaci di assumere un valore pari o superiore a 1 bilione di dollari.

Come è nato Dream 11

La società stata fondata da Harsh Jain e Bhavit Sheth nel 2008. Ha impiegato 4 anni per raggiungere 1 milione di utenti. Solo 2 per arrivare a 2 milioni. Ed altri due per arrivare all’incredibile cifra di 45 milioni di utenti nel 2018. Nel 2019 la società ha ottenuto un importante riconoscimento da Fast Company, che ha sottolineato come Dream 11 fosse una delle prime 10 aziende innovative in India.

Come ogni altra piattaforma legata ai Daily Fantasy Games, anche Dream 11 ha dovuto affrontare alcuni contenziosi in tribunale, visto che la legge non consente di giocare a siti del genere in alcuni stati indiani, come Assam, Odisha e Telangana. Nonostante sia stato giudicato come un gioco d’abilità, gli esperti del settore evidenziano come la società operi di fatto in quella che può essere considerata una zona grigia regolamentare del settore.

Dal punto di vista del marketing e della comunicazione, la società ha stipulato delle importanti partnership con federazioni indiane legate al Cricket e con altre di carattere internazionale legate all’Hockey, al calcio e al basket, riuscendo a coinvolgere anche importanti brand ambassadors come l’ex capitano della squadra indiana di Cricket Mahendra Singh Dhoni.

Va anche sottolineato che la società ha deciso di creare un vero e proprio braccio filantropico per aiutare le persone a raggiungere risultati di rilievo nell’ambito sportivo. Un’iniziativa importante, che mi auguro venga replicata anche da altri attori del settore.

Come funziona Dream 11

Dal punto di vista del funzionamento concreto di gioco, Dream 11 consente di accedere a vari sport (come Cricket, Calcio, Basket e Hockey), per poter selezionare un contest e scegliere dunque una squadra virtuale di calciatori reali, guadagnando punti sulla base delle performance statistiche. I tornei vengono creati a ritmo impressionante, anche perché durano pochissimo, a volte anche semplicemente il tempo di una partita.

I contest possono essere sia gratuiti che a pagamento. Nel caso di quest’ultimi, l’utente deve pagare un piccolo contributo d’ingresso, sfidando centinaia o migliaia di utenti decisi a partecipare alla stessa competizione. Per quanto riguarda il calcio, ovvero lo sport che più ci interessa qui, è possibile aderire a contest basati su 6 competizioni:

  • Ligue 1
  • Champions League
  • Premier League
  • Serie A
  • Chinese Super League
  • European Cup

Ogni calciatore ha un proprio valore, sarà compito del fantallenatore scegliere i migliori cercando di non sforare il budget complessivo di 100 milioni a disposizione.

Formazione Dream 11
Selezioni Formazione Dream 11

Come è possibile vedere dall’immagine in alto, ogni calciatore selezionato sarà piazzato in uno dei 4 reparti a disposizione (porta, difesa, centrocampo, attacco). Non contano le posizioni specifiche dei calciatori, ma solo la collocazione in uno dei reparti. In altre parole, non è possibile scegliere per Messi la collocazione ideale in attacco tra sinistra, centro e destra, poiché non muterebbe nulla nell’ambito delle dinamiche del gioco.

Ciò che conta è semplicemente quello che il singolo calciatore in questione riesce a fare in campo, il quale gli consentirà di ottenere uno specifico punteggio. È importante sottolineare che c’è la differenza posizionale per quanto riguarda lo scoring system. Cioè, una stessa tipologia di azione può generare punteggi diversi a seconda del ruolo assunto dal calciatore. Un goal segnato, ad esempio, vale +8 per un attaccante, +9 per un centrocampista e +10 per un difensore/portiere. Questa differenziazione è resa necessaria dalla distanza di base da un calciatore dalla porta.

L’assunto di base è questo: più un calciatore è distante dalla porta avversaria, più faticherà a segnare. E infatti, tendenzialmente, gli attaccanti segnano più dei centrocampisti, che a loro volta segnano più dei difensori e dei portieri. Di seguito, lo scoring system nel dettaglio:

MINUTI GIOCATI

  • 55 o più minuti giocati +2
  • Meno di 55 minuti giocati +1

ATTACCO

  • Per ogni goal segnato da un attaccante +8
  • Per ogni goal segnato da un centrocampista +9
  • Per ogni goal segnato da un difensore o portiere +10
  • Per ogni assist +5
  • Per ogni 10 passaggi completati +0.5
  • Per ogni 2 tiri in porta +1

DIFESA

  • Clean Sheet centrocampista +1
  • Clean Sheet difensore o portiere +5
  • Per ogni 3 parate +2
  • Per ogni rigore parato +9
  • Per ogni 3 tackle realizzati con successo +1

CARTELLINI E ALTRE PENALITA’

  • Ammonizione -1
  • Espulsione -3
  • Per ogni autogoal -2
  • Per ogni 2 goal subiti da un portiere/difensore -1
  • Per ogni rigore sbagliato -2
Commenti
Caricamento...