Match Fixing, il legale di Immobile smentisce il coinvolgimento

L'operazione Oikos ha fatto emergere il nome dell'attaccante della Lazio e di altri calciatori della Serie A

0

Nell’ambito dell’Operazione Oikos che sta facendo emergere del marcio nel calcio spagnolo, sono emersi molti nomi di calciatori professionisti locali, ma non solo. Negli ultimi giorni sono usciti nuovi profili, che fanno parte della nostra Serie A, tra cui Ciro Immobile e altri tre calciatori del Frosinone.

Il nome dei calciatori italiani sarebbero emersi nell’ambito di una conversazione intercettata tra Carlos Aranda e Mattia Mariotti (uomo di fiducia dello stesso Aranda). Quest’ultimo ha fatto riferimento ad un “amico con i capelli lunghi” che dirigerebbe un’agenzia di scommesse illegali e che avrebbe come cliente abituale proprio Ciro Immobile e contatti importanti con diversi calciatori del Frosinone, club destinato alla retrocessione.

Per il momento, però, non si hanno riscontri concreti di queste storie e il legale dell’attaccante biancoceleste, Paolo Rodella, ha voluto giustamente evidenziare la totale estraneità nella vicenda del suo assistito. Di seguito le sue dichiarazioni:

“Con riferimento alle notizie apparse su alcuni organi di informazione, secondo le quali il nome del mio assistito sarebbe stato pronunciato nel corso di conversazioni telefoniche intercettate fra soggetti a vario titolo coinvolti in una vicenda di calcio scommesse in Spagna, Ciro Immobile si dichiara nella maniera più assoluta del tutto estraneo a tali fatti ed esclude categoricamente qualsivoglia coinvolgimento. Il calciatore mi ha già dato incarico di agire nei confronti di tutti coloro che in qualsiasi modo ledano il suo nome, la sua immagine e la sua dignità professionale. Pertanto diffidiamo chiunque dal dare credito e diffondere notizie totalmente false e diffamatorie”.

Commenti
Caricamento...